Vi perdono

Vi perdono è un’esclamazione intrisa di sofferenza con la quale ci si aggrappa alla vita per non sprofondare negli inferi della perenne insensibilità rancorosa. Miele, la protagonista di questo libro, ha chiuso il boccaporto delle proprie emozioni inoltrandosi in un mondo fatto di bisogni, dove il male è come una lampada da spegnere pigiando sull’interruttore della vita, dove le relazioni sono figlie di un’esigenza da espletare e non di una condivisione da coltivare, dove la solitudine è un mare in cui immergersi e nuotare a dispetto degli altri. Miele vende la morte a chi è distrutto dalla sofferenza. Lo fa in maniera asettica, come un dentista che c’infila le mani in bocca per estirpare il dolore. Un Do ut Des che non prevede confronto, dialogo, immedesimazione ma solo soldi in cambio di un servizio, una morte indolore a dispetto di una dolorosa sofferenza. Miele ha costruito per sè questa esistenza, la indossa come una cuffia con la quale impedisce al mondo di violare la sua intimità. Fino a che qualcuno quella cuffia la sposta proponendogli qualcosa per cui non era pronta….
Da leggere

vi perdono

Annunci

Un pensiero su “Vi perdono

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...