L’ipotesi del male

Leggere Donato Carrisi è semplice come guidare un auto con il cambio automatico: ti siedi, sposti la leva nella maniera indicata sul piccolo pannello cromato e sai già che la macchina partirà dolcemente senza nemmeno un piccolo brusio di sottofondo, come sempre, come succede ogni volta che ti siedi su quella poltroncina in finta pelle e tutto è talmente  ovattato da sembrare irreale. Leggere Donato Carrisi è rassicurante: pur parlando di morte e pazzia lo fa con garbo, con metodo, utilizzando l’autostrada a tre corsie della narrazione di genere piuttosto che le tante stradine acciottolate lungo le quali magari il lettore potrebbe sobbalzare provando qualche emozione diversa rispetto a quelle impostate di default. Scrive bene Donato Carrisi ma questo, a mio parere, è il su più grande limite. La letteratura è emozione, talvolta disturbo, spesso coraggio e non solo un discreto copia e incolla di eventi e personaggi già scritti da altri. Mi spiace non dirvi nulla del libro a parte il titolo, l’ho finito due settimane fa e ad oggi non ricordo praticamente nulla se non quella sensazione di esser portati per mano lungo un sentiero battuto milioni di volte….

ipotesidelmale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...