L’esame di maturità è ‘na bella sfogliatella

Del giorno del mio esame di maturità non ricordo assolutamente nulla, nemmeno una piccola immagine sgualcita, come quelle foto di tanto tempo fa che a furia di essere viste diventano lise  e cacciano le rughe sui bordi che a guardarle ti senti vecchio come Don Ciro del terzo piano che si ritrova il viso solcato da canyon così spessi che dentro t’immagini scorra impetuoso il film della vita sua.  Non sono in grado di dire se la mancanza di ricordi dipenda dalla memoria mia che ormai accumula ritardi su ritardi che nemmeno un treno della Circumvesuviana può competere oppure da altro. A volte penso che i ricordi sono come gli strati croccanti di una sfogliatella riccia: con il tempo quelli più interni vengono ricoperti dai nuovi che hanno la croccantezza dalla loro parte e vengono scambiati da chi li addenta come i veri protagonisti del sapore che si scioglie nella bocca loro. Ma è solo un’illusione perchè il buono esiste solo quando presente e passato trovano il giusto accordo e si mettono a disposizione dei nostri sensi e delle nostre emozioni.

Annunci

Un pensiero su “L’esame di maturità è ‘na bella sfogliatella

  1. Io ricordo il panico che mi venne pochi istanti prima dell’esame orale e la soddisfazione di esser risaltata durante la seconda prova perché tutti facevano un tema in inglese ed io, invece, ho sviluppato un tema storico in lingua francese. Ci presi anche il punteggio massimo! Ero un sacco entusiasta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...