Una mutevole verità

Sono le undici del mattino e il sole scotta da costringere la sabbia fine di questa splendida spiaggia salentina a nascondersi sotto le stuoia di falso sughero cinese. Il vento c’è ma è tutto impegnato a scompigliare lo splendido mare che mi sta di fronte trasformandolo in un furioso gregge di cavalloni pronti a tutto pur di tenere noi umili bagnanti fuori dalle palle. Non so che fare e allora mi decido a dare una chance al libricino di Carofiglio gentilmente regalatomi per il mio onomastico. E’ talmente gracile che basta un attimo per essere sopraffatto dal vento che lo precipita sulla sabbia trasformandolo in un’ossuta cotoletta in attesa della sua impanatura. E’ strano come le persone pensino di farti felice regalandoti un libro, uno qualunque, uno di quelli pubblicizzati, alla moda, che piacerà a tutti e figurarsi se non piacerà a te. E invece no, per regalare un libro a qualcuno ti devi impegnare a conoscerlo questo qualcuno, non basta incrociarlo in casa di tanto in tanto per chiedergli se ha pagato le bollette e ha portato giù l’umido la sera precedente, serve qualcosa in più. Un libro è intimo quanto un bacio diretto da saliva a saliva, ti lascia lo stesso sapore in bocca e se non è quello giusto l’amaro che provoca non si scrosta nemmeno se usi il viakal per settimane intere. E io già da qualche giorno faccio continui gargarismi senza aver raggiunto risultati apprezzabili. In bocca mi è rimasto un gusto futile, mellifluo, inutile, che vorrebbe assomigliare a qualcosa di buono ma poi ci mette un attimo a rivelarsi per quello che è: un puro esercizio di nulla fatto apposta per spiaccicarci sulla copertina il nome dell’autore figo e famoso. E’ come quei gelati industriali dalle confezioni patinate che promettono cascate di panna e praline ma che una volta aperti sembrano  esangui e già leccati da qualche tossico della cialda consunta. Un passo avanti però l’ho fatto, non ricordo più la trama né i personaggi, credo di essere sulla strada giusta per riprendermi da questo prolasso editoriale, manca poco ormai. Fate attenzione se lo vedete in giro e non dite che non v’avevo avvertito….

una-mutevole-verità

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...