Riflessioni amare

Girando per Castellammare, per le sue periferie, per i suoi boschi, avverto uno strano sentimento d’inquietudine, è come se in questi ultimi 20 anni la città si fosse ritirata, ridotta, rimpicciolita, abbandonando a sé stessi interi pezzi di territorio, rifugiandosi in un piccolo cantuccio sempre più ristretto, ultimo baluardo da difendere e controllare dalla barbarie e dal degrado che la divora. Come un grande appartamento di famiglia che non abbiamo più voglia di vivere. Lasciamo che invecchi, che cada a pezzi, che divenga tana di scarafaggi e topi che non abbiamo più la forza fisica nè morale di contrastare. Ogni anno abbandoniamo un pezzo della nostra casa comune al suo amaro destino. Ora ci siamo costretti a vivere al buio nello sgabuzzino, tra queste piccole 4 mura scrostate dall’umidità e lì ripensiamo alla bellezza che avevamo alle spalle e che non abbiamo saputo difendere. Ma la cosa sembra non toccarci più di tanto, con le braccia ci ripuliamo il viso e usciamo, andiamo a giocarci la nostra bolletta o il nostro gratta e vinci quotidiano come se nulla fosse…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...