Preludio a un bacio

Ambientare un romanzo a Caserta è come esibirsi con un quartetto d’archi al matrimonio di Don Peppe il macellaio mentre i commensali stanno consumando il loro bel piatto di pasta fagioli con le cozze. Se lo fai con passione, talento e mostrando un notevole sprezzo del pericolo, può anche capitarti di essere sommerso dagli applausi e di ricevere una richiesta di bis più lunga dello strascico della sposa. In fondo sono le emozioni a dominare la vita delle persone e saperle rappresentare è un dono che travalica la loro forma.

Emanuele ha cinquant’anni, un sassofono e il fegato distrutto dall’alcool, dorme in uno scantinato ammuffito e trascorre le giornate rimediando qualche spicciolo grazie al suo fidato strumento musicale. Un barbone con il pallino del jazz, insomma. Si può essere felici di una vita del genere? Assolutamente no, ma l’inerzia è dura da invertire quando ti consideri inutile.

Non ho mai amato quelli che si sottovalutano, quelli che trovano nel basso profilo la loro massima espressione, quelli che piuttosto che scrollarsi di dosso i demoni della sconfitta preferiscono avvilupparsi nelle gelide spire del fatalismo. Ed è proprio per questo che Emanuele mi è stato antipatico fin dalle prime pagine, la sua incapacità di agire, il suo farsi rimorchiare dagli avvenimenti ha creato tra me e lui la giusta distanza per potermi permettere di apprezzare la storia di cui era artefice. Perché Preludio ad un bacio è ben scritto, pur sfiorando più volte la retorica dei sentimenti riesce a non esserne mai risucchiato completamente. Ti fa sorridere, qualche volta amaramente, ma ti fa anche riflettere su quanto sia importante per ognuno di noi ricoprire un ruolo e investire in esso le nostre energie relazionali. Meglio essere membri di una band affiatata che suonarsela sempre da soli.

Aprrezzo Il Tony Laudadio attore cinematografico, quello che ha partecipato ai primi due (splendidi) film di Edoardo De Angelis e al mitico L’uomo in più di Paolo Sorrentino. Ho conosciuto lo scorso inverno il Tony Laudadio autore e attore teatrale, assistendo con sommo piacere al suo Birre e Rivelazioni. Eravamo meno di dieci in sala quella sera all’Off Off Theatre ma alla fine avremmo fatto di tutto pur di sederci a quel tavolo sul palco e continuare ad ascoltare il dialogo tra Sergio e Marco. Ora conosco e apprezzo anche il Tony Laudadio scrittore.

Una nota di merito a NN Editore che continua a sfornare ottimi libri, continuate così!

 

preludio a un bacio

Annunci

Un pensiero su “Preludio a un bacio

  1. Pingback: NNEDITORE | Rassegna stampa online su Tony Laudadio – Preludio a un bacio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...