Nero a metà

Caro Nero a metà, ti ho amato come un fratello maggiore capace d’insegnarmi che tradizione e innovazione sono le facce necessarie per comporre una medaglia che abbia davvero un senso. Ti ho odiato come un fratello maggiore che scappa di casa rincorrendo altre passioni. C’è voluto del tempo per riappacificarmi con te, per comprendere la tua lezione, per capire che l’unico modo per rispettarsi è guardare avanti, confrontarsi e non chiudersi tra le quattro mura di un successo facile ma che non c’assomiglia più. Grazie di esserci stato, caro Nero a metà, e di aver avuto la forza di essere stato sempre te stesso.

Annunci

Me sbattono ‘e diente

 

E’ ca nun me saccio accuntentà
e vaco luntano pe’ capì
chello che cerco nun se sà
ma po’ ferni..
Me sbattono ‘e diente.

Me’ so’ truvat mmiezo a chi,
dinto ‘o burdello ca ce sta
m’ha fatto annammurà ‘e me
pecchè che fa?
Nisciuno ce penza